closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La forza egemonica del grande banalizzatore

Il linguaggio della politica. Il vecchio riduzionismo spodestato dalla scienza continua a esercitare la sua egemonia in molti campi del sapere diffuso, soprattutto in politica. Da Berlusconi che pensava che il Paese-Italia fosse assimilabile a una delle sue tante aziende, a Salvini che agita la leggenda semplificatrice del «prima noialtri» e fino al M5S che concepisce il pensiero che il Parlamento sia un ostacolo al dispiegarsi della politica

«Papera meccanica», costruita da Jacques de Vaucanson (1738)

«Papera meccanica», costruita da Jacques de Vaucanson (1738)

Cosa c’è di unificante nel linguaggio e nei discorsi di tutte le parti politiche che produce l’attuale egemonia culturale? Perché non c’è dubbio che, fatta qualche irrilevante distinzione, esse parlano lo stesso linguaggio, usano la stessa grammatica e adottano gli stessi simboli. Tuttavia questo linguaggio riscuote “successo” tanto da diventare luoghi comuni e da produrre una indiscussa egemonia culturale. Nel campo delle Grandi Opere, ad esempio, vale il principio che esse siano indispensabili, quasi “naturali”: perché non costruire treni che viaggiano sempre più veloci, fare buchi nelle montagne che uniscono luoghi fino ad allora separati, perché non continuare a trivellare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.