closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

La ferita aperta di Sarajevo

Storie. La capitale bosniaca ha ricordato ieri sabato 28 giugno il centenario dell’attentato che ha cambiato la storia europea, innescando la crisi diplomatica che portò alla Prima Guerra Mondiale. La polveriera nel 1914 era l’Europa, non i Balcani. Ma l’Ue dimostra di non avere elaborato quel passato

Ci provò per primo Nedeljko Cabrinovic, che lanciò una bomba. L’ordigno rimbalzò sul tettuccio della vettura imperiale ed esplose sotto quella successiva, causando alcuni feriti. Il resto del corteo, abbandonata la macchina danneggiata, procedette velocemente verso il Municipio. Qui Francesco Ferdinando si incontrò con il sindaco di Sarajevo, Curcic. Ne seguì un acceso confronto tra militari austro-ungarici e polizia locale. Alla fine venne deciso che il programma della visita era interrotto, e che l’erede al trono con la moglie avrebbe proseguito verso l’ospedale, per visitare i feriti. Nella confusione, però, l’autista non fu avvisato del cambiamento di programma. All’altezza del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.