closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La famiglia Regeni: «Dalle istituzioni parole vuote e bugie»

Italia/Egitto. Sdegno da Roma a Bruxelles ma nessuno mette in discussione i rapporti con Il Cairo. Di Maio alla Ue: «Ferita europea». Eppure esiste il modo per non vendere più armi, dice Rete Italiana Pace e Disarmo

Un’iniziativa per Giulio Regeni organizzata da Amnesty Italia a Prato, nel 2017

Un’iniziativa per Giulio Regeni organizzata da Amnesty Italia a Prato, nel 2017

Quattro panchine gialle a Fiumicello, paese natale di Giulio Regeni, e una tela con metà del suo volto, realizzata dagli studenti del liceo Petrarca di Trieste, lo stesso frequentato dal ricercatore italiano ucciso al Cairo nel 2016. Sono due delle iniziative che ieri, quinto anniversario dal rapimento, hanno voluto ricordare Giulio e la spinta – mai evaporata – per la verità e la giustizia. Gli studenti, che di loro iniziativa hanno celebrato la vita di Regeni, hanno preso parte alla fiaccolata virtuale insieme ad Amnesty International e Articolo 21, alle 19, seguita da un video messaggio di Paola Deffendi e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi