closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

La fabbrica «chiusa» dalle banche

La storia. Lo stabilimento campano è finito in liquidazione dopo il blocco dell’accesso al credito

L'ingresso della Italcables a Caivano

L'ingresso della Italcables a Caivano

A Caivano, in provincia di Napoli, c’era una fabbrica, la Redaelli Tecnasud, che produceva cavi, funi e trefoli, cioè barre di piccolo diametro, ad alto tenore di carbonio per prefabbricati, viadotti, ponti, dighe, gallerie, infrastrutture ferroviarie e industriali. Il sito impiegava circa cento lavoratori, il loro prodotto veniva venduto al 50% fuori dall’Italia (Europa, Nord Africa, Nord e Sud America). Nel luglio 2008 la Redaelli di Caivano viene assorbita dalla Italcables, che ha altre due fabbriche: allo stabilimento storico di Sarezzo, in provincia di Brescia, sul mercato dagli anni ’70, nel 2001 si è aggiunto quello di Cepagatti, nel pescarese....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.