closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La dottrina (turca) di Tebboune

Algeria. Il presidente rompe con il passato e concede interviste per mandare messaggi, in primis alla Francia e alla Turchia, nuovo primo partner commerciale e possibile ombrello di un governo con gli islamisti

Il presidente algerino Tebboune

Il presidente algerino Tebboune

Le interviste concesse dal presidente algerino Abdelmajid Tebboune alla vigilia delle elezioni legislative al settimanale francese Point e alla tv del Qatar al Jazeera, i cui uffici di Algeri sono chiusi da parecchi anni, sono indicative delle nuove scelte del regime. L’apertura ai media internazionali non è una consuetudine per gli esponenti algerini allergici a ogni «interferenza straniera», ma ora l’Algeria «assediata» da conflitti e da esercitazioni militari è in cerca di nuovi alleati. Ai confini, in Marocco, è in corso una imponente esercitazione militare, l’African lion, con la partecipazione di Marocco, Usa, Gran Bretagna, Brasile, Canada, Tunisia, Senegal, Paesi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi