closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La dottrina Macron: 30 jet da 4,5 miliardi all’Egitto di al-Sisi

Francia/Egitto. Lo scorso dicembre il presidente francese disse che i diritti umani non potevano condizionare il business. Ieri il mega accordo, finanziato per buona parte dalle banche francesi. Intanto Il Cairo lancia la seconda fase delle riforme economiche, gli egiziani tremano

Macron e al-Sisi all'Eliseo lo scorso dicembre

Macron e al-Sisi all'Eliseo lo scorso dicembre

Il presidente francese Emmanuel Macron è stato di parola: lo scorso dicembre, mentre all’Eliseo insigniva il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi della Legion d’Onore francese, aveva detto che il business non può farsi condizionare dal rispetto dei diritti umani. E così, in barba alla risoluzione dell’Europarlamento del 18 dicembre 2020 che invitava gli Stati membri all’embargo militare verso Il Cairo, ha concluso un altro affare: ieri è stata annunciata la vendita di 30 jet Rafale al regime egiziano, 4,5 miliardi di dollari a cui si aggiungono altri 241 milioni per missili Mbda e altro equipaggiamento militare. SUBITO È GIUNTA la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi