closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«La divisione coloniale ha prodotto l’estremismo»

Isis. Intervista all'analista palestinese Nassar Ibrahim: «Il colonialismo europeo ha creato le sotto-culture in opposizione al panarabismo. E oggi il califfo combatte l'identità araba per sostituirla con quella islamica»

Miliziani salafiti

Miliziani salafiti

«L’estremismo religioso è un fenomeno che cresce e si rafforza in tutto il Medio Oriente. Per comprenderlo è necessario che abbandoniate strumenti di analisi occidentali. Soprattutto perché l’Occidente non è mero osservatore, ma un fattore direttamente coinvolto». Da al Qaeda allo Stato Islamico le opinioni pubbliche occidentali hanno trascorso gli ultimi 15 anni nel brodo di cottura dell’islamofobia e del cosiddetto “scontro di civiltà”. Un fenomeno pericoloso perché privo di profondità storica e analisi socio-economica. Ne è convinto l’analista palestinese Nassar Ibrahim con cui abbiamo discusso della crescita repentina dell’Isis: «Tale fenomeno è figlio dalla combinazione di fattori esterni, il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.