closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La disputa sui writers

Le scritte sui muri, le tag, ci mostrano come una comunità, possa creare una città multigrafica e multilinguistica

Roma, Il Muro Libero di Riva Ostiense

Roma, Il Muro Libero di Riva Ostiense

Come accade da anni anche le prossime elezioni comunali si profilano già come una battaglia tutta giocata su decoro e degrado, antimovida e sicurezza urbana. I comitati di quartiere scrivono diffide contro chi dorme per strada, i vigili urbani rastrellano le coperte, i sindaci se la prendono contro i graffitari. Già, uno degli obiettivi polemici di queste campagne elettorali permanenti sono le scritte sui muri e le tag, simbolo per molti della città invivibile. I giornali sono pieni di dagli all’untore contro i writers, e chi difende le scritte sui muri viene considerato un criminale. QUESTO CONFLITTO non è nuovo....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi