closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La diplomazia vaccinale dell’Iran scatena una bufera: dosi a Hezbollah

Golfo. 1,2 milioni di fiale a Beirut quando solo il 5% della popolazione iraniana è del tutto coperto. Teheran usa il Coviran-Barekat, prodotto da un’azienda vicina a Khamenei

Un mercato di Teheran

Un mercato di Teheran

Gli iraniani stanno affrontando la quinta ondata di pandemia, con numerose nuove infezioni causate dalla variante Delta. Con 202.607 casi di Covid-19 registrati in una settimana (+ 27%), l’Iran è ancora al primo posto in Medio Oriente. Una percentuale minima della popolazione iraniana – meno del 5% – ha ricevuto la doppia dose del vaccino e sono in tanti ad andare nella vicina Armenia per farsi vaccinare. Eppure, le autorità della Repubblica islamica hanno mandato 1,2 milioni di dosi di vaccino ai membri dell’Hezbollah libanese e alle loro famiglie. Secondo il sito IranWire, i vaccini made in Iran sarebbero arrivati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.