closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La diplomazia silenziosa di Pechino in Myanmar: Zoom con Nld

Dopo il golpe. La giunta militare vorrebbe la messa fuori legge dell’ex partito di maggioranza, ma per la Cina questa sarebbe la goccia che farebbe traboccare il vaso

Dopo la dichiarazione di guerra lanciata martedì dal Governo ombra (Nug) che si oppone alla giunta militare birmana e dopo il sostanziale fallimento di una mediazione dell’associazione regionale del Sudest asiatico (Asean) per risolvere la crisi ormai arrivata a un punto di non ritorno, la diplomazia cinese è silenziosamente al lavoro. Nonostante i rapporti con la giunta militare siano buoni, gli affari corrano (con la nuova linea ferroviaria per collegare la Cina occidentale a Singapore via Myanmar e l’imminente riapertura delle frontiere) e Pechino abbia sempre ostacolato posizioni dure al Consiglio di sicurezza, i cinesi sono contrari al dissolvimento della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.