closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

La denuncia della Cgil: «All’Expo la polizia spia i lavoratori»

Grandi eventi. Antonio Lareno, delegato Cgil all'Expo: «L’esposizione è come la Fiat negli anni 70». Licenziate più di 300 persone per le loro opinioni. Cinquanta mila quelle "filtrate": lavoratori, volontari e giornalisti. «La libertà delle persone è considerata più pericolosa dell'attività mafiosa. Per questo la sorveglianza viene tenuta segreta». L'Ad Expo 2015 Giuseppe Sala: «Dobbiamo confrontarci con questura e sindacati. Prima di valutare un passo indietro, dobbiamo capire le motivazioni»

«All'Expo Milano viene praticato uno spionaggio politico ai danni dei lavoratori come alla Fiat negli anni Settanta». Per Antonio Lareno, delegato Cgil per l'Expo, non ci sono dubbi: «Cinquantamila cittadini che hanno presentato una candidatura per lavorare all'Expo sono stati filtrati dalle forze di polizia a loro insaputa nell'ultimo anno». Alcune centinaia di lavoratori, assunti fino ad aprile, sono stati licenziati prima dell'inizio del «grande evento» per motivi, non ancora chiariti, di sicurezza. Il loro numero non è ancora precisato. Sembra comunque superiore alle trecento persone. Lo attestano le testimonianze raccolte anche dalla Cgil. I licenziamenti sono avvenuti per tre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.