closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La democrazia non è per tutti

Saggi. L'ultimo libro dello studioso e filosofo Stefano Petrucciani per Einaudi. La lunga storia del governo di rappresentanza e le sue torsioni ideologiche

Un'opera di Tony Cragg

Un'opera di Tony Cragg

Oggi è difficile individuare un concetto che goda di maggiore fortuna rispetto a quello di democrazia, diventato un ingrediente irrinunciabile per l’autodefinizione di qualsiasi movimento, tanto che nessun attore sulla scena politica può oggi definirsi «antidemocratico», pena la sua immediata cancellazione dal dibattito pubblico: «democrazia» non indica più solo una forma di governo o una procedura, ma l’intero orizzonte assiomatico dei paesi occidentali. Questa fortuna dell’idea di democrazia non è però priva di ambiguità perché confonde in sé molteplici piani di argomentazione e necessita di qualificazioni che configurano modelli di società radicalmente diversi (democrazia liberale, costituzionale, rappresentativa, diretta, deliberativa, competitiva,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi