closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La debole ripresa e la svolta che non c’è

Ue. Il rapporto della Commissione sottolinea il ritardo italiano, ma il governo è cieco e forse anche sordo

La Commissione Ue, inconsapevolmente, conferma la debolezza dell’economia europea. La ripresa si intravede, ma rimane debole. Alcuni paesi crescono di più; altri sono in linea con la media del 2% per il 2016; altri continuano a rimanere fanalino di coda. L’Italia consolida il suo triste primato e cresce sempre meno dell’area euro. La minore crescita dell’Italia rispetto all’Europa è di un punto percentuale di Pil nel 2015 e di 0,5 punti nel 2016. L’Italia, dall’ingresso dell’euro, ha cumulato un ritardo di oltre 13 punti di Pil, ovvero una minore crescita di quasi 200 miliardi. Per dirla tutta, la crescita del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi