closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La cronaca di uno scandalo

Datagate. Un materiale da maneggiare con cura

Il giornalista Glenn Greenwald

Il giornalista Glenn Greenwald

Nel 2013 il «Guardian» pubblicò una serie di articoli che rivelavano un complesso sistema di raccolta di dati da parte della National Security Agency (Nsa). Si trattava di conversazioni, telefonate, mail, e metadati «rubati» dalle interazioni telematiche degli utenti. Un sistema complesso, mastodontico, con una mole talmente ampia di dati, da non essere probabilmente possibile esaminarla nell’arco di una vita. Si trattava dei progetti segreti della Nsa, avviati durante la presidenza Bush e lasciati proseguire da Obama. La scusa era quella di dover tenere sotto controllo i propri cittadini (e poi si scoprirà anche cittadini stranieri) per evitare il rischio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.