closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La cronaca di uno scandalo

Datagate. Un materiale da maneggiare con cura

Il giornalista Glenn Greenwald

Il giornalista Glenn Greenwald

Nel 2013 il «Guardian» pubblicò una serie di articoli che rivelavano un complesso sistema di raccolta di dati da parte della National Security Agency (Nsa). Si trattava di conversazioni, telefonate, mail, e metadati «rubati» dalle interazioni telematiche degli utenti. Un sistema complesso, mastodontico, con una mole talmente ampia di dati, da non essere probabilmente possibile esaminarla nell’arco di una vita. Si trattava dei progetti segreti della Nsa, avviati durante la presidenza Bush e lasciati proseguire da Obama. La scusa era quella di dover tenere sotto controllo i propri cittadini (e poi si scoprirà anche cittadini stranieri) per evitare il rischio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi