closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La Costituzione non è un pranzo di gala

Riforme. La lotta per la «difesa delle istituzioni» non ha un valore di per sé. Sono le forze politiche e sociali che le hanno determinate a sostenerle. Se svaniscono, sono destinate a crollare. In Italia c’è una situazione paradossale. Nel frangente referendario le forze popolari devono elaborare un modello alternativo, previa una necessaria lotta anti-istituzionale

Le istituzioni non sono il frutto di un patto tra gentiluomini, né il prodotto di menti illuminate ritiratesi a conciliabolo nello splendido isolamento di una torre d’avorio per progettare architetture valide in ogni tempo e in ogni spazio. Le istituzioni sono il parto di blocchi sociali e storici in urto tra loro. Il ground zero di ogni istituzione è il conflitto sociale, e le Costituzioni ne rappresentano la codificazione. Questa codificazione può significare la presa d’atto di una lenta maturazione di equilibri nuovi nella società, o di una crisi a prima vista improvvisa dei vecchi equilibri, o più spesso del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi