closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La costellazione dell’estremismo hindu

Speciale in Asia. La fondazione della Repubblica indiana, nel 1947, pur col travaglio della partizione col Pakistan voleva almeno formalmente dare vita a uno stato-continente di stampo laico e socialista, dove la miriade di minoranze etniche e religiose avrebbe potuto convivere e prosperare nel reciproco rispetto delle proprie «sensibilità»

Nell’India contemporanea, tra i giovani e soprattutto in rete, li chiamano in gergo «bhakts», «sanghi», «hindu trolls». Ma fuori, nella vita analogica di 1,3 miliardi di indiani, le gesta e le influenze di milioni di ultrainduisti organizzati giocano un ruolo sempre più pericolosamente preponderante nelle quotidianità del subcontinente. La costellazione dell’estremismo hindu è di difficile misurazione scientifica e in continua espansione. Assume sembianze mutevoli di stato in stato, appoggiandosi su un’ideologia non nuova eppure assolutamente attuale. L’Hindutva, il suprematismo hindu, fu teorizzata nei primi anni ‘20 del secolo scorso da V.D. Savarkar, politico protagonista del movimento indipendentista indiano «da destra»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi