closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La “Cosa Unica” delle stragi

Non solo ‘ndrangheta. Una regia unica delle mafie tra Sicilia e Calabria che a partire dagli anni '70 voleva dare “il colpo di grazia” allo Stato. Dalla nuova inchiesta della Dda di Reggio emerge un quadro inquietante che tiene insieme 'ndrine, mafiosi, pezzi deviati dei servizi, ambienti piduisti e universo neofascista.

‘ndrangheta e Cosa Nostra operavano insieme, si muovevano come una cosa sola, una “Cosa Unica” pronta a dare “il colpo di grazia” allo Stato. Un filone già emerso un anno fa nell’inchiesta Mammasantissima della Dda reggina che ha iniziato a tracciare il perimetro dell’organizzazione unica delle mafie che, a partire dai Settanta, avrebbe iniziato a strutturarsi, per meglio interloquire con gli altri sistemi di potere incontrati nella terra di mezzo incistata dalla massoneria. Tessere che oggi si incastrano in un puzzle a tinte fosche che riscrive la trama di un pezzo di storia d’Italia. Erano gli anni Novanta, la “prima Repubblica”...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.