closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La corte lo fa decadere, il premier Sharif si dimette

Pakistan. Panama Papers, la Corte suprema decreta l’ineleggibilità del primo ministro e attesta la «disonestà» di fronte al parlamento pachistano circa l’acquisto di diverse proprietà immobiliari a Londra

Nella giornata di ieri, con una sentenza clamorosa espressa all’unanimità da un pool di cinque giudici, la Corte suprema pachistana ha decretato l’ineleggibilità del premier Nawaz Sharif, diciottesimo primo ministro nella storia del Pakistan. La sentenza, relativa alle indagini aperte in seguito alle rivelazioni dei Panama Papers del 2016 che interessavano la famiglia Sharif, ha costretto il primo ministro alle dimissioni, in virtù della decadenza da parlamentare sancita dalla Corte. Il verdetto parla di «disonestà» di Sharif davanti al parlamento pachistano circa l’acquisto, all’inizio degli anni Novanta, di diverse proprietà immobiliari a Londra attraverso società offshore basate nelle Isole Vergini....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.