closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

La Corte costituzionale non fa giustizia per i precari della scuola

Precariato. L'udienza del 23 giugno è slittata a data da destinarsi. La consulta deve applicare la sentenza Ue che obbliga a stabilizzare più di 250 mila persone. Un aiuto insperato al governo Renzi che non intende applicarla, mentre usa i precari come merce di scambio per ricattare l'opposizione e approvare il Ddl scuola al Senato

Usati come merce di scambio da Renzi per spingere all'approvazione della sua riforma, i precari della scuola sanno già che non saranno più assunti a settembre com'era stato promesso. Ieri ci si è messa anche la Corte Costituzionale che martedì 23 giugno avrebbe dovuto tenere l'udienza sull'abuso dei contratti a termine già sanzionato dalla storica sentenza della Corte di giustizia europea del 26 novembre 2014. L'udienza è stata rinviata a data da destinarsi. La decisione non arriverà prima dell’approvazione del Ddl «in estate» come annunciato ieri dal sottosegretario all’Istruzione Faraone. «Il sospetto – sostiene il coordinatore nazionale della Gilda Rino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.