closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

La Consulta alla Cgil: sull’articolo 18 dovevate chiedere di più

Inammissibile. La Corte costituzionale ha depositato le motivazioni per cui ha detto no al referendum sulle norme per il licenziamento: era un quesito propositivo che non puntava all'abrogazione totale ma a un assetto normativo nuovo

la Corte costituzionale

la Corte costituzionale

Il referendum sull’articolo 18 era propositivo e per questo non poteva essere ammesso. Lo scrive nelle motivazioni la Corte costituzionale. Poco più di due settimane dopo aver comunicato la sua decisione sui quesiti promossi dalla Cgil - era l’11 gennaio - la Consulta ieri ha emesso e depositato la sentenza. Le sentenze, perché insieme al no al quesito sull’articolo 18 ci sono stati due giudizi di ammissibilità per i referendum sui voucher e sulla responsabilità negli appalti. A scrivere le motivazioni sull’articolo 18 non è stata la giudice che originariamente era stata designata come relatrice, Silvana Sciarra, perché nel dibattito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi