closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«La Cina è la chiave contro il global warming»

Cambiamenti climatici. Dopo la «Dichiarazione di Kunming» e verso la Cop26 a Glasgow, intervista a Li Haibing, ricercatore cinese di geologia tettonica

Le previsioni dei governi sulla produzione di carbone, petrolio e gas per il 2030 sono ancora più del doppio di quella compatibile con la limitazione del riscaldamento globale a +1,5 gradi: lo riferisce l'Onu, in queste ore, sottolineando che per sperare di rimanere nell'ambito dell'obiettivo dell'accordo di Parigi, sarebbe necessario limitare immediatamente la produzione mondiale di combustibili fossili. I piani globali ne prevedono invece un aumento. Ma la Cina, per esempio, riuscirà mai a liberarsi del carbone? Abbiamo rivolto alcune domande a Li Haibing, un noto ricercatore cinese di geologia tettonica, studioso della faglia di scorrimento dell'altopiano tibetano del Qinghai,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.