closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La Casa del jazz deve essere un bene comune

Musica. Un’assemblea aperta di jazzisti e associazioni, rilancia lo spazio nella capitale

Gli «indignados» del jazz romani passano dal confronto all’azione. È questo il significativo risultato della seconda riunione di un movimento di «autoconvocati», che ha preso le mosse dalla sparizione delle rassegne jazz storiche dall’estate romana per passare ad una critica forte e radicale alla gestione della cultura e della musica nella capitale (si pensi ai bandi), e in particolare, alla situazione di stallo della Casa del Jazz, priva di un direttore da gennaio. Ieri associazioni e singoli musicisti, operatori, alcuni giornalisti (tra gli altri Daniela Morgia, Scuola Popolare di Musica di Testaccio e altre strutture didattiche, MIDJ Associazione Nazionale Musicisti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.