closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La carica dei selfisti compulsivi

Habemus Corpus. A volte sembra di essere piombati in un mondo in cui uno dei principali comandamenti è I selfie, dunque appaio...

una rielaborazione della copertina dell'album di Mina, «Selfie»

una rielaborazione della copertina dell'album di Mina, «Selfie»

C’era da scommettere che, prima o poi, qualcuno avrebbe elevato i selfie a forma d’arte contemporanea. Il 31 marzo la Saatchi Gallery di Londra inaugura la mostra Dal selfie alla self-expression, evoluzione dell’autoritratto da Velàzquez, Van Gogh, Frida Kahlo, ai selfie realizzati da artiste come Cindy Sherman (conosciuta per gli autoritratti concettuali), Juno Calypso (che nei self-portrait diventa Joyce), la provocatoria Tracey Emin, passando per gli autoscatti di politici e attori di Hollywood. Siccome il selfie è democratico perché chiunque se lo può fare, la Saatchi ha anche indetto un concorso mondiale aperto a chiunque e che esporrà i dieci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi