closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La «canzone» del Festival tra politica, nostalgia e resistenza

Cannes 71. Droni, bianco e nero vintage, musica. Un primo bilancio sulla croisette

Nel sole estivo dell’ultimo giorno si aggirano smoking e vacanzieri, gli schermi nel Palais compongono la galleria Instagram del festival che è appena finito. Per valutare questa edizione 71 a distanza ravvicinata, ancora nella «bolla» della Croisette si fa fatica, rimangono una manciata di bei film, Kore-eda, Panahi, Honoré, Spike Lee, Hamaguchi, Serebrennikov... che già per un concorso in qualsiasi festival è un buon risultato. E poi, naturalmente, JL Godard, il suo Livre d’image scompone (le mani!) l’immaginario per reinventarne l’irriverenza e la resistenza. Per gioco proviamo rintracciare qualche refrain nella canzone festivaliera. VINTAGE Non solo «film in costume» ricreano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi