closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La campagna di Jim & Matteo, tra «dinosauri» e bambini

Referendum. Renzi e il mago della propaganda Messina a caccia del voto berlusconiano e degli under 60. E intanto il premier studia le mosse per il dopo voto

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Due sole cose sono certe: la prima è che comunque vada a finire il 4 dicembre la minoranza Pd non farà a Renzi il favore di alzare i tacchi; la seconda è che, se sconfitto, Renzi non farà alla minoranza il regalo di restare a palazzo Chigi per completare il processo di arrostimento né quello di lasciare invece la segreteria del partito. Al contrario, subito dopo il voto del Senato sulla legge di bilancio, si dimetterà da premier ma si barricherà nella segreteria. Tutto il resto è invece incerto. In ogni caso subito, dopo il referendum, inizierà una di quelle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi