closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La Camera approva il Ddl povertà e prova a svuotare il mare con un cucchiaio

Reddito di inserimento sociale. La misura è stata votata da un ramo del parlamento: 600 milioni di euro per 4,6 milioni di indigenti nel 2016, due miliardi e spiccioli in tre anni, insufficienti per affrontare l'emergenza povertà epocale e senza precedenti. Duro scontro Pd-Movimento Cinque Stelle: continuano i tragici equivoci sul reddito minimo

La Camera ha approvato ieri con 221 voti (22 contrari, 63 astenuti) il disegno di legge delega al governo contro la povertà e per il riordino delle prestazioni e servizi sociali. Il provvedimento, collegato alla legge di stabilità 2016, stanzia 600 milioni di euro per l’anno in corso, e 1 miliardo per il 2017 e il 2018: meno di 60 centesimi al giorno a disposizione per 4 milioni e 598 mila «poveri assoluti» e per 8 milioni e 307 mila «poveri relativi». Il testo passa ora al Senato con una dotazione pari a un decimo del fondo destinato al bonus...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.