closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

La bloguera menzognera

Per chi avesse avuto ancora qualche dubbio sul campo di interessi in cui si colloca Yoani Sanchez, basta leggere le dichiarazioni che ha rilasciato su alcuni grandi media occidentali, gli unici che si ostinano a darle credito (e pour cause). Yoani chi? Vi domanderà d’altronde qualunque cittadino comune a Cuba, dove la danarosa bloguera non è conosciuta neanche sul pianerottolo del condominio. Ma tant’è. Dopo la liberazione dei tre prigionieri politici cubani – tre agenti che effettuavano attività preventiva fra gli attentatori anticastristi di Miami sui cinque condannati all’ergastolo o a lunghe pene negli Usa – Sanchez ha fatto un ritratto partecipe del contractor Usa Alan Gross. Ha lamentato le terribili condizioni in cui sarebbe stato detenuto a Cuba. Ha schizzato bile sul governo cubano e sulle «astute mosse del regime». Neanche un dato, però, sulle ragioni che hanno portato in carcere i 5 agenti, sul contesto feroce in cui sono maturati gli attentati anticastristi a Miami. Neanche una parola sulle carceri Usa, che non sono certo una passeggiata. E poco importa se il suo omologo Gross, che ha sempre potuto ricevere visite ed è stato curato egregiamente a Cuba (a differenza dei Cinque nelle prigioni Usa) abbia ringraziato «il popolo cubano», mostrando di certo meno veleno a stelle e strisce.

Abbonati
Abbonati

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.