closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

La beffa dopo l’accordo. Cuffiette in piazza contro i trasferimenti

Torna la protesta dei lavoratori di Almaviva. 154 dipendenti, anche madri con figli, «spediti» in Calabria per 700 euro al mese

Chiara Filizzola, 32 anni, ha un bimbo di 4 mesi partorito mentre i dirigenti di Almaviva in primavera trattavano col governo Renzi le condizioni per il ritiro di 2.988 licenziamenti collettivi, 1.670 a Palermo, il resto a Napoli e Roma. Fabiola Iannello di anni ne ha 35 anni, lei ha tre figli. Fanno parte dei 154 lavoratori che stanno ricevendo le lettere con cui l'azienda comunica che dal 24 ottobre saranno trasferiti a Rende, in Calabria. Chiara e Fabiola hanno un contratto part-time, guadagnano 700 euro al mese. L'idea di lasciare figli, mariti, di prendere una casa in affitto in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.