closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La banalità del male nell’era dell’acquario

Narrativa. «Gli assassini», il romanzo di Elia Kazan, pubblicato da Centauria

Elia Kazan

Elia Kazan

«Quelli che stanno a guardare e non si oppongono e non parlano quando sono interrogati - afferma Padre Barry in uno dei monologhi più memorabili di Fronte del porto - sono colpevoli come il soldato che piantò la lancia nel costato di Gesù». È opinione diffusa che con questo film del 1954 Elia Kazan abbia lasciato al pubblico la propria artistica arringa di difesa a seguito dello storico «tradimento» di cui si macchiò nel 1952, denunciando vari colleghi del mondo di Hollywood alla famigerata Commissione per le attività antiamericane del senatore Joseph McCarthy. UN ATTO che, comprensibilmente, lo perseguitò per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.