closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La Alan Kurdi soccorre 109 naufraghi, i libici sparano

Porto sicuro. La denuncia della ong tedesca: «Equipaggio e migranti attaccati durante un salvataggio»

La nave umanitaria Alan Kurdi, dell'ong tedesca Sea Eye, ieri era a nord ovest di Zuwara. I suoi mezzi veloci di soccorso erano in acqua per un evento Sar: un gommone con 92 persone a bordo rischiava di affondare. I volontari avevano appena finito di distribuire i giubbotti di salvataggio quando tre motoscafi con mitragliette a prua e bandiera libica a poppa li hanno circondati: «Hanno sparato colpi in aria e in acqua, i naufraghi si sono spaventati e, in preda al panico, una parte è finita in mare - ha spiegato il portavoce di Sea Eye, Gordon Isler -....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.