closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’ invenzione della nemica interna

I confini del demos. La paura delle donne ha radici lontane e attraversa l’avventura umana. Emerge ogni volta che il potere maschile è messo all’angolo. In tempi recenti è esplosa con la crisi irreversibile del modello patriarcale alla base del neoliberismo

Figurine di Cynthia Cosentino

Figurine di Cynthia Cosentino

«Per quanto riguarda l’ordinazione delle donne, la Chiesa ha parlato e ha detto no». Le nette chiusure pregiudiziali di papa Francesco, nel corso della conferenza stampa sull’aereo che lo riportava a Roma dopo la trasferta brasiliana, spandevano un sentore di atavico; quel senso di precarietà rimossa che ritorna alla luce tutte le volte che si scava nella psicologia collettiva interiorizzata nei modelli di rappresentazione che si sono succeduti nelle varie fasi dell’avventura umana. L’archeologia del pensiero come ricerca che fa emergere paure ancestrali, a suo tempo esorcizzate seppellendole nell’oblio di una concettualizzazione che le rimuove in quanto soggettività in campo....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi