closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Kraftwerk, quella nostalgia elettronica e canaglia in 3D

Live. Mezzo secolo di musica pop celebrata in concerto alla Cavea dell'Auditorium romano, della band che negli '80 scriveva all'ombra delle centrali nucleari e esibiva con ironia la paccottiglia del progresso e della ricostruzione tedesca

i Kraftwerk nella cavea dell'Auditorium di Roma

i Kraftwerk nella cavea dell'Auditorium di Roma

E dopo i Rolling Stones, anche i Kraftwerk a Roma. Mezzo secolo di storia della musica pop celebrata nel concerto dell’altra sera all’Auditorium. Da quasi tre anni in giro per il mondo, Kraftwerk 3D è romantico come i Winterreise di Schubert, esilarante come Dada e i coretti dei Beach Boys, spettacolo «totale» e per grandi masse come avrebbero voluto le avanguardie storiche e come stata la dance elettronica degli ultimi vent’anni che senza Kraftwerk non sarebbe neppure nata. In 3d: con gli occhialetti, come di fronte a un blockbuster domenicale. Così anche i «visual» che fanno parte da sempre integrante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi