closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Kiev ferma treni e bus per Mosca: «Solo gli orsi oltre il confine»

Ucraina/Russia. Il governo chiude le frontiere e invita gli emigrati a rientrare, dimenticando i rapporti economici con il vicino. E alla fine se la prende anche con Roger Waters

Sembra ormai che la politica ucraina, forse in mancanza di qualsiasi successo in campo economico, si sia ridotta a bellicosi annunci contro la Russia. Ieri è stata la volta del ministro ucraino delle infrastrutture, Volodymyr Omelyan, che ha detto ai cittadini ucraini che hanno parenti in Russia di richiamarli in patria, perché ci sarebbe «un ambiente migliore e più sicurezza». Un appello destinato a non trovare molto seguito visto che sono cinque milioni i migranti ucraini residenti in Russia. In gran parte babysitter e operai specializzati che contribuiscono all’economia dell’Ucraina con 600 milioni di dollari di rimesse l’anno. Difficile che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.