closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Kerry s’infuria: meno internet per Assange

Ecuador. Quito ammette di aver ristretto l'accesso alla rete al giornalista

Julian Assange

Julian Assange

Un confinato sotto censura? Sta suscitando molte polemiche la decisione di limitare l’accesso a internet al giornalista Julian Assange, fondatore del sito Wikileaks: nel pieno delle rivelazioni sulle mail della candidata democratica Usa, Hillary Clinton. Le ultime in ordine di tempo, diffuse dal sito dopo quelle sull’intervento in Siria e sul doppio binario seguito da Clinton in America latina, riguardano i messaggi con John Podesta, consulente della candidata. Una corrispondenza in cui emerge il disprezzo per i latinoamericani e per i cattolici, mentre si conferma il feeling con le grandi corporazioni come Goldman Sachs. Una pratica che ha fatto infuriare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi