closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Kenya sott’acqua, Kenyatta conciliante

Oltre 100 vittime. Le inondazioni dopo la siccità flagellano il paese. E il presidente chiede perdono per le turbolenze elettorali

Violente inondazioni stanno devastando ampie aree del Kenya a partire dalle zone più aride, dove la siccità ha portato all’erosione dei terreni e ora che arriva la pioggia l’acqua scorre senza essere assorbita e porta via con sè ogni cosa che incontra. Il bilancio provvisorio è, secondo la Croce Rossa, di almeno 100 morti e di 242.000 sfollati. In grandi difficoltà anche la «città delle spine», il grande campo profughi di Dadaab abitato da 500 mila persone. Il centro di Muranga è stato cancellato da una frana mentre a Rongai il torrente Kandisi si è portato via un ponte affollato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.