closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Keira Knightley, dalla periferia all’impero

Intervista. L'attrice britannica racconta il suo percorso, da un sobborgo londinese a Hollywood e ritorno

Keira Knightley in «Anna Karenina» di Joe Wright (2012)

Keira Knightley in «Anna Karenina» di Joe Wright (2012)

« La più bella inglese della sua generazione», «la voce più sexy dopo quella di Sean Connery», «la Giulietta ideale» (preferita a Scarlett Johansson) in un referendum di Forbes, ogni qualità di Keira Knightley ha un duplice risvolto: figlia d’arte e dei sobborghi londinesi, spleen nei grandi occhi nocciola e sguardo incandescente, romantica e ironica, femminile (anche se lei si definisce «un maschiaccio») e femminista, la bambola di porcellana nasconde un’indole di centrattacco. Non a caso il calcio ne ha fatto una star a 16 anni, con Bend it like Beckham. A 35 anni ha due bambine, Delilah, di un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.