closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Kabul, perché si rafforza la radice dell’odio

Joe Biden

Joe Biden

Nessuno dovrebbe dubitare ormai che i 20 anni di guerra al terrore dell’America in Afghanistan sono una sconfitta morale oltre che militare dell’intero cosiddetto mondo libero. I fatti di queste ore portano nuova luce sul tragico war game in corso, tra genti accalcate alla disperata ricerca di un aiuto straniero per sfuggire all’inferno, come le vittime dell’attentato di domenica lungo il canale di scolo attorno all’aeroporto di Kabul. Genti che avevano addosso l’etichetta non occultabile di “collaborazionisti” filo americani. Non solo l’Isis K che li ha colpiti con un attacco suicida, ma anche l’ala dura dei Talebani al potere da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.