closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Kabul nega vittime civili, ma case e raccolti sono perduti

Afghanistan. Il giorno dopo la super bomba di Trump, il governo plaude alla Casa bianca e spera in nuovi aiuti militari. Ma vola anche a Mosca per la conferenza di pace snobbata dagli Usa

L'effetto della bomba Moab sganciata in Afghanistan

L'effetto della bomba Moab sganciata in Afghanistan

Il giorno dopo la “madre di tutte le bombe”, elicotteri da combattimento americani continuano l’operazione di pulizia iniziata nella provincia di Nangarhar giovedì sera, nel distretto di Achin, dove tunnel costruiti dai mujaheddin durante la guerra contro i sovietici (con soldi americani, ha denunciato ieri con un tweet Edward Snowden) sarebbero adesso i rifugi tattici degli uomini dello Stato Islamico in Afghanistan. Il distretto è abbastanza disabitato e, stando alle dichiarazioni del governo, nella zona del bombardamento (il villaggio di Mohmand Dara) viveva una sola famiglia afghana evacuata per tempo. Secondo Kabul non ci sarebbero state vittime civili nell’attacco ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi