closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Kabul, botte e spari contro le proteste. Poi il «nuovo» governo

Talequali. Nella capitale almeno 500 persone contro l’ingerenza pachistana Esecutivo «esclusivo»: a 4 dei Guantanamo Five incarichi di prestigio

Ieri in Afghanistan è stata una giornata di proteste, coraggio, ma anche di repressione e di annunci importanti. Nel tardo pomeriggio, il portavoce dei Talebani Zabihullah Mujahid ha reso nota la composizione del nuovo governo che, ha precisato un altro esponente del movimento, si chiamerà Emirato islamico d’Afghanistan, come il precedente negli anni Novanta. L’ANNUNCIO ERA PREVISTO da giorni, ma è avvenuto poche ore dopo la violenta repressione di importanti manifestazioni che si sono tenute a Kabul e a Herat, capoluogo dell’omonima provincia occidentale. Nella capitale afghana, sono state almeno 500 le persone scese in strada. Guidata da ragazze e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.