closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Julian Assange spiato dalla Cia per sette anni

Stati uniti/Gran Bretagna. Dall'ingresso nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra del fondatore di Wikileaks, microfoni e telecamere hanno registrato ogni movimento e ogni conversazione. Sotto inchiesta l'azienda spagnola che ha fornito il sistema di sorveglianza. I legali: ora non sia estradato negli Usa

Un'immagine di Assange catturata dalle microcamere della Cia

Un'immagine di Assange catturata dalle microcamere della Cia

Chiunque negli ultimi sette anni sia entrato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra per incontrare il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è stato sistematicamente spiato. Gli incontri di Assange con medici, avvocati, reporter, politici, giornalisti, artisti, venivano filmati e registrati e le informazioni trasmesse all’intelligence statunitense. Lo rivela Repubblica: si parla di un’attenzione maniacale al confine dell’ossessione compulsiva. Microfoni nascosti sotto gli estintori, microfoni nel bagno delle donne, sistemi di registrazioni audio-video sempre più sofisticati per aggirare le preoccupazioni di Assange che passava per paranoico. Le spie erano arrivate al punto di valutare se rubare il pannolino di un neonato per prelevarne...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.