closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Julian Assange, due anni a Londra, recluso nell’ambasciata

Cablogate. Il presidente ecuadoriano Rafael Correa: «Basta violare i diritti umani di una persona»

Manifestazione a Londra per Julian Assange

Manifestazione a Londra per Julian Assange

Nessun tribunale gli ha comminato la pena, ma è costretto agli arresti domiciliari da due anni. È questa la situazione di Julian Assange, cofondatore del sito Wikileaks. Il 19 giugno del 2012, si è rifugiato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra e ha chiesto asilo politico. Lo ha ottenuto, ma da lì non ha più potuto uscire per il pericolo di essere estradato in Svezia e poi negli Stati uniti. In Svezia deve comparire in tribunale a seguito di una denuncia per molestie sessuali, che ha sempre negato. Negli Stati uniti, invece, è accusato di aver fatto esplodere sul suo sito (attivo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.