closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Johnson isolato, incubo scaffali vuoti a Londra

Voli cancellati, traghetti fermi ed Eurotunnel chiuso a causa della variante inglese del virus. Il premier britannico rassicura: «Le nostre scorte sono robuste», ma anche la destra Tory lo attacca: sapeva della mutazione già a settembre

Il blocco nel terminal dei traghetti a Dover

Il blocco nel terminal dei traghetti a Dover

In una conferenza stampa alle diciassette in punto di ieri a Downing Street - con il ministro dei trasporti Grant Shapps e il Chief scientific advisor Patrick Vallance - Boris Johnson ha cercato di rassicurare i connazionali sul cordone sanitario strettosi attorno alla Gran Bretagna. Voli cancellati, traghetti fermi e l’Eurotunnel chiuso causa variante Covid non erano che alcune delle questioni toccate dal premier, mentre la deriva delle isole britanniche dall’Europa si sdoppiava diabolicamente, aggiungendo alla questione politica (Brexit) la fiammata dell’emergenza sanitaria. Vallance ha confermato l’esistenza della variante mutata del virus più o meno in tutto il paese. Finora...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi