closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Jobs Act in soffitta, spazio alla Carta dei diritti

Happy birthday Cgil. Il sindacato compie 110 anni e deposita in Parlamento 1 milione e 150 mila firme a sostegno dello Statuto del lavoro 2.0. Camusso polemica verso il governo: «Perché Renzi non parla mai dei voucher e dei licenziati che aumentano?». La sfida dei tre referendum su ticket, appalti e articolo 18

La segretaria Susanna Camusso alla festa per i 110 anni della Cgil in Piazza del Popolo

La segretaria Susanna Camusso alla festa per i 110 anni della Cgil in Piazza del Popolo

L’antidoto al Jobs Act della Cgil è finalmente maturo: la Carta dei diritti universali del lavoro ha raccolto un milione e 150 mila firme e adesso approda in Parlamento. La segretaria Susanna Camusso ha consegnato ieri mattina gli scatoloni con le sottoscrizioni alla Presidente della Camera Laura Boldrini, proprio nel giorno del centodecimo compleanno del sindacato: la sfida, a questo punto, sarà quella di portare effettivamente alla discussione delle due Camere la proposta di legge di iniziativa popolare, evitando che come tante altre finisca in un cassetto. La giornata della Cgil è proseguita poi in Piazza del Popolo, con la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi