closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Jeff Buckley, il fuoco addosso

Ricordi/Vent'anni fa l'artista annegava nel Wolf River, un affluente del Mississippi. Un solo album, «Grace», e una smania artistica che lo ha divorato e consegnato alla storia. Una notte di maggio, a 31 anni

Jeff Buckley ad Atlanta

Jeff Buckley ad Atlanta

L'ultimo concerto della vita di Jeff Buckley, in un momento in cui, come racconta il biografo David Browne, Jeff «aveva preso coscienza della palla di fuoco che aveva dentro», si tenne in un locale che si chiamava Barrister's, a Memphis, Tennessee. La terra di Elvis Presley e degli studi di registrazione dove fu concepita buona parte della popular music moderna. Era il 26 maggio 1997. Sarebbe morto tre giorni dopo, il 29, trentuno anni ancora da compiere. Tentò di arrivare alla sala in bicicletta, con la chitarra a tracolla, poi alla fine chiese un passaggio a un'amica, Tammy Shouse. Non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.