closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Jean-Luc Godard, provocazioni di un pensiero rivoluzionario

Polemiche. Il regista scuote i media proponendo Marine Le Pen premier. In linea con la sua poetica, il padre della Nouvelle Vague estremizza il rischio per mutarne la natura.

una scena da Adieu an langage

una scena da Adieu an langage

Il nuovo film di Jean-Luc Godard, Adieu au langage, è stato mostrato in concorso al festival di Cannes, dove ha ricevuto il premio speciale della giuria. In contemporanea usciva a Parigi e una settimana dopo nel resto della Francia. Da quel momento in poi l'attenzione non è scemata e Godard si è dato molto da far, rilasciando come suo solito molte interviste, alla sua maniera, evitando la stampa specializzata, concedendosi volentieri a quella generalista. È in una di queste interviste, pubblicata martedì scorso dal quotidiano Le Monde che, rispondendo a Philippe Dagen e Frank Nouchi che lo invitavano a commentare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.