closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Janša celebra senza i partigiani. Via l’opposizione: «Nuove elezioni»

Il premier Janša

Il premier Janša

Trent'anni fa. Un plebiscito ben costruito, la Slovenia forma al volo un proprio esercito e i soldati jugoslavi di stanza nelle caserme - perché quella è ancora Jugoslavia - si ritrovano nella Repubblica secessionista. Si spara, qualcuno muore ma dura pochi giorni, la Slovenia dichiara la propria indipendenza e chiede al mondo di essere riconosciuta. Se non fosse per un paio di pallottole fischiate vicino alle orecchie di un barista a Gorizia e rimaste conficcate nel muro del bar, nessuno in Italia può supporre quello che sta accadendo a pochi passi. A Trieste la gente brontola, il confine è improvvisamente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.