closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Italicum, fiction finita. E il Pd litiga anche sui numeri

Montecitorio. Passa la mozione farsa Dem-Ap-Ala, i 5 stelle votano con la sinistra. La legge si cambia, dopo il referendum. La minoranza si smarca. Bersani: «Non dice nulla, ma le volpi finiscono in pellicceria»

Italicum, il voto di ieri sulle mozioni

Italicum, il voto di ieri sulle mozioni

Ieri pomeriggio alla Camera la maggioranza ha votato una mozione (293 sì, 157 no e 13 astenuti) che suona come la parodia del linguaggio politichese, un perfetto stile Prima Repubblica. Dice in realtà l’esatto contrario di quello che è scritto: «La Camera si impegna ad avviare nelle sedi competenti una discussione sulla legge 6 maggio 2015 numero 52 al fine di consentire ai diversi gruppi parlamentari di esplicitare le proprie eventuali proposte di modifica della legge elettorale attualmente vigente e valutare la possibile convergenza sulle suddette proposte». Eventuale, valutare, possibile. Tradotto: la Camera non si impegna a un bel nulla,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi