closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Italia, la minaccia dei jihadisti homegrown

87 i foreign fighters individuati dal Viminale. Giovani che si sono radicalizzati sul web ed esperti in cyberwar

A far paura è quella minaccia lanciata da un hashtag arabo dopo il massacro di Parigi: «Il prossimo attacco sarà a Londra, Washington e Roma». Propaganda, certo, ma come e più che in passato, quando sono arrivati altri messaggi simili attribuiti all’Is, nessuno tra i responsabili della sicurezza del nostro paese vuole sottovalutarla, perché la capitale è sempre stata un obiettivo altamente simbolico per i fanatici della jihad e l’imminente apertura del Giubileo non fa che aumentarne il fattore attrattivo. Anche se l’allarme è alto, minacce reali comunque per ora non esistono. Più che possibile obiettivo l’Italia fino a oggi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.