closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Israeliani rapiti. Si riapre la frattura tra Abu Mazen e Hamas

Israele/Territori Occupati. L'enorme pressione militare messa in atto dagli israeliani in Cisgiordania non è servita a ritrovare i tre adolescenti. Ma spinge il presidente palestinese a prendere le distanze dal movimento islamico

Lo spiegamento di ingenti forze militari israeliane soffoca Hebron e altri centri abitati palestinesi ma non è riuscito a ritrovare i tre adolescenti scomparsi una settimana fa nella zona del blocco delle colonie di Etzion e che Israele ritiene ostaggio di una cellula armata. L’elenco degli arrestati si allunga di ora in ora nel quadro di una operazione, denominata “Brother’s keeper”, volta anche a smantellare la struttura in Cisgiordania del movimento islamico Hamas accusato dal premier israeliano Netanyahu di essere responsabile del rapimento dei tre ragazzi. Rapimento che non è stato ancora rivendicato da alcun gruppo credibile mentre Hamas ripete...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi