closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Israele intensifica le demolizioni di case palestinesi «illegali»

Cisgiordania. Dall'inizio dell'anno, le forze armate israeliane hanno demolito o danneggiato 323 case e altre strutture edilizie in Cisgiordania, lasciando in strada 440 palestinesi, molti dei quali bambini. Intanto Amnesty International lancia appello a favore di Mohammad Abu Sakha, il clown della scuola del circo palestinese, detenuto senza processo

Abu Imad sottolinea che i bulldozer dell'esercito israeliano sono di casa a Khirbet Tana. «Sono venuti tante altre volte a buttarci giù le abitazioni. Questa volta però non hanno risparmiato neppure la scuola e quella più vicina ora è a 10 km di distanza» racconta Abu Imad, uno degli anziani di questo piccolo villaggio agricolo a est di Nablus, in Cisgiordania, dove vivono circa 250 palestinesi. «Vogliono costringerci ad andare via», aggiunge «(gli israeliani) dicono che le nostre case sono illegali. Noi non ci muoviamo, la nostra vita è qui nella nostra terra, nei nostri campi e con le nostre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.